la Valmalenco

La Valmalenco è la più estesa delle valli laterali della Valtellina: quote variabili fra i 500 e i 4000 metri, tre convalli che confluiscono nel solco principale, contraddistinte da formazioni rocciose diverse, una corona di cime che si snoda costantemente al di sopra dei 3000 m, culminando ai 4051 m del Pizzo Bernina, otto complessi glaciali importanti le cui morene si abbassano fino ai pascoli, orizzonti alpini che abbracciano tutte le fasce vegetative, innumerevoli angoli suggestivi con laghetti, torrenti, cascate.  Si aggiungano un’adeguata rete stradale, servizi pubblici efficienti, strutture ricettive attrezzate ed accoglienti in valle e in quota e una trama di sentieri ben segnalata.

l’estate

Camminare nell’atmosfera immacolata degli alpeggi, con la possibilità di degustare sul posto le specialità di un’alimentazione genuina ed antica. Ripercorrere le vie che conducono ai valichi storici. Risalire i sentieri che raggiungono i passi d’alta quota, dai quali ammirare lo scenario dei ghiacciai con i loro fragori primordiali. Oppure attardarsi sui pendii morenici e fra gli anfratti rocciosi armati di macchina fotografica, per catturare le immagini di una flora spontanea ricchissima o perlustrare gli spazi liberati dai ghiacciai alla ricerca di curiosità mineralogiche. Ma anche effettuare distensive passeggiate nelle abetaie in cerca di funghi e visitare gli antichi nuclei e i luoghi dell’attività umana per leggervi la vita di una comunità alpina. Sono più di 100 le escursioni che possono essere effettuate in Valmalenco. La fitta rete di mulattiere e di sentieri che ricopre la valle, a partire dai centri abitati, attraverso i boschi, fino agli alpeggi e agli ambienti di alta quota, può essere scelta secondo moltissime combinazioni.

Nota di merito all’Alta Via della Valmalenco, che grazie alla varietà degli ambienti incontrati, è uno dei percorsi escursionistici d’alta quota più belli dell’arco alpino. L’Alta Via si sviluppa per oltre 110 Km, tra 800 e 3000 metri, al cospetto delle colate dei ghiacciai del Monte Disgrazia, del Pizzo Bernina e del Pizzo Scalino. Articolata in otto tappe giornaliere, raccorda fra loro una quindicina di rifugi.

Ma laValmalenco non è solo trekking ed escursioni. Molte sono le possibilità di vivere la montagna a 360°. Dal classico alpinismo, all’adrenalinico canyoning, dalle falesie dell’arrampicata sportiva ai sentieri adatti sia per la mountain bike che al nordic walking.

Grazie ai numerosi sentieri recentemente sistemati e alle larghe mulattiere la Valmalenco si presta a tutti gli amanti della Mountain bike. Le salite possono essere più o meno faticose a seconda di dove ha inizio la pedalata.

l’inverno

Gli oltre sessanta chilometri di piste dei comprensori dell’Alpe Palù sono il biglietto da visita delle Valmalenco. Oggi chi vuole arrivare all’Alpe Palù lo può fare direttamente con la modernissima Snow Eagle, la più grande funivia del mondo che, con le sue cabine da 160 persone, lo porterà in un solo balzo a quota 2080 su un terrazzo da cui, con una vista mozzafiato, dominerà le Alpi. La neve è di casa in Valmalenco, da dicembre ad aprile inoltrato è sempre farinosa ed abbondante, e se per caso la neve smarrisse la strada di casa, i più moderni impianti di innevamento programmato sono pronti a intervenire per creare un ottimo fondo e quello spolverio che tanto piace agli sciatori.

La Valmalenco offre anche il terreno di gioco per gli sport della neve più d’avanguardia e più estremi. All’Alpe Palù è attrezzato uno snow-park, separato dalle piste per lo sci tradizionale, per cimentarsi nelle evoluzioni con lo snow-board e gli sci da freestyle, inoltre è allestita la pista per le spettacolari gare di boardercross e skicross.

In Valmalenco, al cospetto di scenari di impagabile bellezza, si trovano tracciati e anelli per lo sci di fondo adatti ad ogni tipo di esigenza. Alle piste naturali del Lago Palù si affiancano gli anelli di San Giuseppe e di Lanzada, di cui un chilometro con percorso illuminato artificialmente. A San Giuseppe e a Lanzada due moderni centri fondo offrono ospitalità agli sportivi, mentre all’Alpe Palù le attrezzature della ski-area offrono ogni possibilità di ristoro e relax.

La montagna, specie in inverno, regala sensazioni uniche. Un’atmosfera magica, fiabesca,  che avvolge le escursioni con le racchette da neve ai piedi, o con gli sci in ampie conche punteggiate di conifere, laghi alpini ghiacciati, placidi villaggi e cime maestose. La Valmalenco offre tutto questo e molto ancora, come le escursioni scialpinistiche sui ghiacciai del Bernina o del Disgrazia per poi tuffarsi in discese mozzafiato.